6

Prete scrive kamasutra approvato dalla Chiesa


Ksawery Knotz, un frate francescano polacco, ha scritto un libro intitolato "Seks" (Sesso), con sottotitolo “Per le coppie sposate che amano Dio”.
Il volume che è già un caso editoriale in Polonia, ben presto verrà venduto anche all'estero e quindi anche da noi in Italia.
Nell'intervista che ho trovato sul sito di Panorama il disinibito Ksawery dichiara:

Ogni atto, dal tipo di carezza alla posizione, che abbia come obiettivo l’eccitamento è permesso e piace a Dio.
Molta gente immagina che il sesso debba essere privo di gioia, di giochi frivoli, di fantasia e di posizioni attraenti.
Pensa che debba essere triste come uno dei canti di lode della Chiesa.

Invece, Dio è interessato nella vita sessuale felice dei credenti e ha dato loro il suo regalo.
Basta con la classica posizione del missionario, sì alla fantasia e anche alla stimolazione manuale e orale.


Ma tutto questo come avrà fatto ad impararlo e testarlo il fraticello monellaccio?!

L'idea gli è venuta dopo aver ascoltato le confessioni del suo “gregge”, e così ha deciso di spiegare loro che il sesso è divino e non diabolico.... e l'intervista si conclude con un... "la mia esperienza sarà di seconda mano, ma è vasta".

Dunque... vediamo un po'.

Un prete ascoltando le confidenze dei propri fedeli scrive un manuale sul sesso e la chiesa cattolica approva tutto ciò.


Il Mortificatore è in un vortice di dubbi e quesiti!



1) Innanzitutto... non c'era una volta il segreto confessionale?

da Wikipedia:

Il segreto confessionale è l'obbligo per i sacerdoti cattolici di conservare il più assoluto segreto su quanto viene loro detto durante l'amministrazione del sacramento della penitenza. Un obbligo simile, ma con qualche eccezione esiste anche in alcune chiese riformate fra cui quella luterana e quella anglicana. Secondo il diritto canonico (983 §1) il sigillo sacramentale è inviolabile; perciò è assolutamente proibito a ogni confessore di tradire in alcun modo il penitente con parole o altrimenti e per qualunque ragione. La violazione non è permessa neppure in caso di minaccia di morte del confessore o di altri.



2) Ma una volta masturbare non equivaleva a "non commettere atti impuri", quindi cioè, infrangere un dei Dieci Comandamenti?

da Wikipedia:

Nell'ambito cattolico, la masturbazione è considerata peccato grave, in quanto contraria direttamente al sesto comandamento (Non commettere atti impuri). Inoltre, essa è riconosciuta come atto che impoverisce l'individuo nelle sue stesse risorse fisiche e sociali, che dovrebbero invece essere donate agli altri. Continuare la masturbazione anche dopo aver iniziato un rapporto affettivo con un'altra persona (vedi il matrimonio), toglierebbe a quella persona e alla coppia molti momenti di intimità e di gioia che invece andrebbero così perduti inutilmente per egoismo.


3) Se questo prete veramente non ha mai avuto esperienze sessuali come dice, come fa a essere sicuro di tante cose che scrive?

Voi vi fidereste di un meccanico che non ha mai visto un'automobile in vita sua... ma ne ha solo sentito parlare!?


4) Ma è normale che un prete raccolga delle confidenze, dei dati, delle situazioni intime, delle confessioni dettagliate di peccati veri e propri e le usi a suo vantaggio per scriverne un libro su come commettere quegli stessi peccati in santa pace e comunione con Dio?!

E' come se un satanista, dopo aver ascoltato le confidenze dei suoi adepti scrivesse un libro su come amare spiritualmente in maniera diabolica!


Mah... ancora una volta... piango per non ridere!

Comments :

6 commenti to “Prete scrive kamasutra approvato dalla Chiesa”
Mauri ha detto...
on 

Altro ke vortice caro amico Mortificatore, qua ci sarebbe un uragano di domande.........ma, giustamente come dici tu, ma questo come caspita fa a sapere del sesso e di tutto quello ke ne concerne se nn ha mai praticato! Poi ha infranto talmete tanti limiti del sacerdozio da venire radiato!! Piangiamo piangiamo tutti per non ridere!

Anonimo ha detto...
on 

...e i nostri amici apostolici che ne pensano???

Anonimo ha detto...
on 

Scusate la mia intrusione,
ma come si può approvare un libro del genere?
Personalmente, non permetterei a nessun sacerdote (manco se fosse il Papa in persona) di guidare una situazione intima quale il rapporto sessuale tra me e mia moglie o fidanzata che sia.
Ma non saranno per caso fatti personali?
Dico solo che qualcuno di questi uomini di Dio, (e ce ne sono parecchi, purtroppo) ancora prima di entrare nella vita privata di una persona dovrebbe pensare seriamente al proprio stato spirituale (es.le omissioni di soccorso nei confronti dei bisognosi, le confessioni commentate dinnanzi all'intera Assemblea, ecc.).
Ecco, è proprio questo quello la gente non sopporta.
E io, secondo qualcuno di essi, sarei in peccato solo perché non condivido questo atteggiamento della Santa Chiesa?

Anonimo ha detto...
on 

Bellaaa anonimo, la penso come te!
Sei il benvenuto, ma perchè non ti firmi con login e lasci altri commenti?
Così puoi entrare anche nella classifica commentatori! :-)

pit ha detto...
on 

se mi levano il mercoledi delle ceneri e lo sostituiscono con un giorno dedicato alla pecorina è la volta buona che torno in chiesa.

Gaio ha detto...
on 

Evidentemente per essere cosi esperto della materia deve aver praticato ed anche bene (o pene?).

Posta un commento